domenica 29 maggio 2016

LA PICCOLA CAMELOT

Stamani  e sigh... sempre meno spesso di quanto vorrei,  son salito all'orto sopra il paese, per fare il trattamento alle viti... ( io lo chiamo "l'orto difficile" perché non è quello sotto casa, non c'è acqua ed è tutto in salita)
Osservo il totale abbandono degli orti intorno, sopraffatti dai rovi, 

.... con al centro quest'ultima oasi che resiste...  e mi chiedo perché io continui a curarlo vista l'esiguità della resa rispetto alla fatica....
Quella vista mi fa pensare al tempo in cui i romani in ritirata lasciarono piccole enclavi di civiltà intrappolate tra i barbari.
... alla piccola Camelot circondata dall'incipiente pericolo che avanza...

... e ben delineato appare il confine della civiltà...

... per chi è dall'altra parte non c'è più speranza...

Il vallo non è più i grado di trattenere o fermare il nemico ...

... in parte crollato...

... in parte sommerso e travolto dal nemico....


... rifletto sul trono in marmo sotto la pianta di melo...


... urge una riunione dei cavalieri attorno alla tavola rotonda...
... certo anche lei, come il gladio di Excalibur,  ha visto tempi migliori ...
.... aspetto ... nessuno viene.... mi sa che qui son l'ultimo cavaliere...
... sto per arrendermi, poi contemplo il piccolo regno....  acciaccato , ma che ancora resiste... e pronto ad offrirmi quel poco che ha ...




.... sopra il travolto vallo sprazzi di bellezza cercano di farsi largo...

.... ascolto il silenzio del posto...  alzo lo sguardo oltre l'abbandono e vedo,  in alto, i miei monti verdeggianti e rassicuranti  (almeno quelli non ancora decapitati dalle escavazioni selvagge)...


.... ed in basso .... oltre gli alberi e oltre la città....

....il mare...
.... e in un attimo capisco perchè amo questo posto.

12 commenti:

  1. Beh, mi immagino che li'in mezzo a quel verde, tra il canto degli uccelli, sia impossibile non essere pervasi da una gioia fanciullesca.

    RispondiElimina
  2. ... immagina... immagina...
    ... sempre lasciare spazio alla fantasia ...

    RispondiElimina
  3. Sei ripagato ampiamente!
    Che spettacolo! produci vino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... nel mio piccolo... si...
      ... e lo bevo pure!!!!!

      Elimina
    2. Anche mio marito ha una piccola vigna, con dei suoi amici.

      Elimina
  4. i monti, il cielo, il mare. l'orto difficile per la fatica, ma gli occhi e il cuore saranno più contenti.
    ps ma non è venuto neanche lancilotto? ciaooo p.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... Lancillotto senza Ginevra non vuol venire...

      Elimina
  5. Che varietà du uva coltivi,fai qualche trattamento?Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... nell'ordine
      Vermentino ... San Giovese ...Moscato e 2 piante di Merlot...
      ... mancando il tempo faccio (anche se non vorrei) trattamenti sistemici a 15 gg con l'aggiunta di zolfo bagnabile....

      Elimina
    2. Peccato per quei sistemici...
      Proprio non potresti ovviare con dell'idrossido di rame, o meglio ancora con della poltiglia bordolese?
      A.A.

      Elimina
    3. ... hai ragione, quest'anno ho provato...
      ... ma ho solo la domenica per fare i trattamenti...
      ... ho solo un colpo in canna insomma...
      ... se quel giorno piove è finita...
      ... infatti molti grappolini quest'anno sono radi...

      Elimina
  6. Agricoltura "marginale" o, forse, residuale.
    C'è tutta la storia, la qualita' e l'incnto laborioso di centinaia di generazioni, in quei luoghi sempre piu' abbandonati.

    RispondiElimina