domenica 18 settembre 2016

VENDEMMIA

... sono le otto del mattino e l'orto sopra il paese viene svegliato dall'eco di molte voci...
... non è abituato a tanta gente... di solito vede sempre e solo me e regna il silenzio...
... chi sono tutte queste persone ... e cosa vogliono...
... poi riflette e capisce... come tutti gli anni ... e iniziata la VENDEMMIA...
La pioggia incombe ...  e qualcuno non vuol temer sorprese...



... ma poi per fortuna il tempo cambia ... e il sole fa capolino tra le nubi...



... e ognuno fa la sua parte...



... per fortuna l'uva è  molto sana... 



... e tra i filari corre voce  sia .. ... merito mio!!!!  


... finita la raccolta i bigonci vengono portati alla cantina....


... inizia la pigiatura...


... e il mosto lentamente riempie la botte da 5 quintali ...


... quasi sino all'orlo...


... ora non resta che lasciarlo riposare... nel silenzio della cantina... tra le vecchie botti di rovere ... che paiono offese per non essere più utilizzate....

11 commenti:

  1. Risposte
    1. ... Vermentino, Sangiovese, Moscato la quota maggiore e... 2 vitigni di di Merlot e 2 di Malvasia...
      ... un mix ereditato e conservato...

      Elimina
  2. Anni fa scrissi un post #ghe sarà de Na a catà l'uga #
    Ma ora la vigna è in stato di abbandono!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...anche da me la maggior parte dei vigneti è abbandonata...
      ... io penso che la vendemmia sia parte integrante dell'autunno...
      ... senza un contatto con la natura le stagioni diventano solo caldo, pioggia e freddo... perdendo quella bellezza che è insita e propria di ciascuna ...
      "... ai sirà da 'ndar a piar d'ua" tradotto nel mio dialetto...

      Elimina
  3. La pigiatrice uguale uguale alla nostra :)
    stesso casino di graspi appiccicosi sputacchiati qua e la

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... si tanto casino ... tanta fatica... ma anche tanta allegria...
      PS ... con i "graspi" da noi "grespi" ... aggiungendo acqua calda e lasciati per qualche ora a fermentare, un tempo i miei nonni facevano una bevanda frizzantina.... "la grespia"...

      Elimina
    2. Interessante qui in Romagna facevano l'acqadeici.
      Siccome ai mezzadri vino non ne lasciavano, questi mettevano dopo la torchiatura le vinacce in acqua e ottenevano un vinello pallido e scarsamente alcolico: Storie simili direi, dettate dalla penuria e dalla scarsità.

      Elimina
  4. Bei momenti, non vedo l'ora si trasformi in buon vino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ... speriamo...
      ... il prossimo fine settimana si svina...
      ... incrociando le dita ...

      Elimina
  5. Stano il vin dovri'essere bon!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ..."St'an l'vin i dovrè esr bon!"...
      ... speriamo... è sempre una sorpresa...

      Elimina