venerdì 19 novembre 2010

AI BORDI DEL BOSCO

In questa stagione si può trovare qualche frutto anche nel bosco, ai bordi dell'orto "difficile",
........ alzando lo sguardo tante palline rosse e gialle fanno capolino qua e la tra i rami e attraggono la mia attenzione.

Sono i frutti del corbezzolo,

Ne mangio subito alcuni, ... da bambino ........ quando giocavo a "Orzowei" nei boschi ....... penso di aver assaggiato quasi tutti i frutti che il bosco offre, dall'amarognolo mirto al biancospino, che fa bella mostra alla base del corbezzolo.

......... e al di là di qualche mal di pancia, non sono mai andato. L'esperienza si fa con la pratica.

(((Giocare nei boschi che usanza atavica, quale bambino lo fa più. Ma questa è un'altra storia!!)))

....ma tornando al corbezzolo ..... un frutto che, mangiato in grosse quantità, qualche "strizzone" di pancia lo dà, per cui, non conoscendo altri utilizzi se non il consumo immediato in loco, lascio la maggior parte delle bacche ai soliti piccoli volatili e quelle a terra al tasso, che non sono ancora riuscito a fotografare.

18 commenti:

  1. mi hai fatto venire in mente gli odori e i profumi del bosco, con questo scritto, grazie!!!! Maria

    RispondiElimina
  2. che belle foto e che bel post :-)

    RispondiElimina
  3. MARIA
    Grazie e benvenuta. Spero anche la voglia di fare due passi nei boschi d'autunno!
    CHANDANA
    Grazie dei complimenti ... che fan sempre piacere ... e della visita.

    RispondiElimina
  4. Equesto anno sono molto dolci, io ne ho mangiati molti, e l'altramattina eravamo a camminare sul monte Albano- Vinci- avevamo fame: corpo mio fatti capanna!

    RispondiElimina
  5. MARESCO
    Attento alla pancia!!!!

    RispondiElimina
  6. Ciao Semola, il corbezzolo lo conosco (da poco..) l'ho visto in Toscana ma non l'ho provato, per dirla tutta non sapevo fosse commestibile...:) che bella questa passeggiata nei boschi !

    RispondiElimina
  7. A Ortonovo si dice "armottolo"!

    RispondiElimina
  8. VIOLA
    Basta non abusarne e non è malaccio. 8-))))

    RispondiElimina
  9. SARA
    In carrarino "Marmot" plurale "Marmote", non è molto dissimile. Sarei curioso di sapere l'origine dei termini dialettali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ecco il motivo
      http://www.comune.carrara.ms.it/Allegati/Agora/Marzo2006/pag12Marzo2006.pdf

      Elimina
  10. Bono...
    Cosa si può fare? marmellata e liquore!!
    Il corbezzolo è un antisettico delle vie urinarie, si usa nelle cistiti.
    Non bisogna però abusarne perchè alcune sostanze in esso contenute fanno venire il mal di stomaco!
    Ciao semola caro, sei sempre cosi costante negli aggiornamenti (non come me), non posso non passare a leggerti anche al volo.
    raffa

    RispondiElimina
  11. ALTHEA
    Grazie mille!
    In alcuni post, come questo, io attento sempre la "chiosa" di un'erborista esperta e... come vedi arriva!

    RispondiElimina
  12. Semola da te c'è sempre da imparare sui boschi...:D...io da quasi 16 anni che sn in italia nn ho mai fatto 1a sola passeggiata e che dispiacere...:((.Complimenti x le foto ed il post....buona serata

    RispondiElimina
  13. NOVELINA
    Beh... c'è sempre una prima volta. Il bello delle passeggiate nei boschi, almeno per me, è l'osservazione dei particolari, spesso difficili da individuare, e la fantasia. La piccola tana di un ghiro , il nido di rami un moscardino o di un piccolo uccello a me mette sempre emozione.

    RispondiElimina
  14. è bello nel bosco anche starsene seduto su un tronco d'albero, in silenzio... ti accorgi che è il bosco che cammina per te!

    RispondiElimina
  15. HARLOCK
    a me capita di fermarmi tra le stipe ... inizialmente è il silenzio, poi quando il bosco si abitua alla mia presenza, tutto torna a muoversi, le foglie, gli uccelli, gli insetti e i piccoli roditori.
    Mi fa piacere vedere che non sono l'unico.

    RispondiElimina
  16. i corbezzoli piacciono tantissimo anche agli uccellini...

    RispondiElimina
  17. LUBI
    Per questo ne ho lasciati molti sulla pianta. Lo stesso ho fatto coi cachi e con le mele.

    RispondiElimina