domenica 7 febbraio 2016

LARDO IN CONCA

..... erano passati già dodici anni dall'ultima volta...., ma quando i miei nipoti mi han chiesto....
 "Zio perché non si rifà il lardo come ai tempi del nonno?"... la mia risposta non poteva essere che  "Siiiiiiiiii!".
Premetto che questa non vuol essere la ricetta del lardo di Colonnata, pur essendo quel paese a un tiro di schioppo, o di fionda, dal mio ....... in fondo i cavatori, che una volta necessitavano di un alimento (un tempo) povero, facilmente conservabile e fortemente energetico, non erano e non sono solo a Colonnata.  
Ognuno partendo dalla stessa base aveva una sua ricetta e... un suo piccolo segreto per poter dire:
"L'me lard' iè pu bon dl' to!"
Questa è la ricetta che noi  abbiamo sempre usato ... piaccia o non piaccia ad altri poco importa.... tanto ce lo papperemo tutto noi!!!!  
 Ma andiamo con ordine.....
Nonostante almeno uno dei due nipoti, credo, avesse passato un sabato notte con gli amici .... domenica mattina entrambi erano presenti.
Una rapida organizzazione e suddivisione dei compiti e .... siamo partiti.
Dopo una pulizia accurata delle conche ........
.... ed un energica strofinata con aglio....così da non fare avvicinare i vampiri....

........il  posizionamento degli ingredienti......

... rosmarino e aglio.... 

... sale marino e spezie..        
 ..... mix di pepe, coriandolo, chiodi di garofano, cannella e ....... ognuno ha la sua aggiunta..........
.......... finalmente entra in scena  il protagonista ..... lardo di  cinta senese marchiata a fuoco.....
...... mentre mio fratello taglia i pezzi  ....
....ed io li massaggio energicamente ...
... i nipoti mixano agli e rosmarino....

. e preparano il "letto" 
.. su cui riposerà ...il lardo....
... strato su strato... .riempita la prima...
... inizia la seconda...... pronte...
Ora non ci resta che aspettare i sei mesi di stagionatura che faranno penetrare i profumi delle spezie e lo insaporiranno ben bene...ogni tanto un controllino al livello della salamoia .... e finalmente sarà pronto per essere assaporato.

10 commenti:

  1. Premesso che io non ne mangio, mi sembra che avete lavorato con molta competenza, bravi!

    RispondiElimina
  2. Sara.
    Non sai cosa ti perdi.... senza esagerare è solo piacere per il palato.
    Competenza non so ... ma allegria tanta!!!!

    RispondiElimina
  3. Guarda chi si rivede:-)))
    Gnam,gnam!

    RispondiElimina
  4. blogredire.
    .... è si... scompaio spesso.
    Sentito che profumino ....
    Slurp, slurp!

    RispondiElimina
  5. Ciao Semola, questo tuo post mi era proprio sfuggito.
    Complimenti a te!
    A.A.

    RispondiElimina
  6. Risposte
    1. ... oh grazie ...
      ... io questi collegamenti con balzo spazio temporale tra i post non li so fare...

      Elimina
    2. ... oh grazie ...
      ... io questi collegamenti con balzo spazio temporale tra i post non li so fare...

      Elimina