lunedì 6 dicembre 2010

BELLEZZA, MAESTOSITA' E .... OLIVE

Sabato le previsioni preannunciavano una bella giornata e così è stato, .... quindi sono salito all'orto per raccogliere le rape.... ma la neve non era prevista.
Ecco una foto di come si presentavano .... le Apuane....... le "mie" montagne. Penso che "bellissime" sia riduttivo, cosa ne dite?
C'è una piccola illusione ottica, quella in alto è neve, in basso al centro dove si intravede la piccola montagna decapitata (al di sotto della quale è il mio orto) ... quello è marmo, il sangue bianchissimo di questi monti.
Piccolo breve sfogo per gli esperti di questi posti: vige la "tutela delle vette" che dovrebbe salvaguardare questo patrimonio, ma è semplice ..... basta scavare dentro le montagne, trasformandole in gruviere destinate a collassare; la decapitazione delle cime basta chiamarla "strada di arroccamento"; un ravaneto che distrugge i boschi sottostanti diventa "zona di stoccaggio provvisoria" e si potrebbe continuare.
Tornando a noi .... sono passati i "40 biblici giorni" e ho barbescamente preparato la salamoia,........ ma come mai le mie olive galleggiano?

Ps. in un'altra ricetta ho letto che dopo 30 gg bisogna rifare la salamoia al 120% , che ggiungendo un pezzetto di limone non si forma la "schiuma biancastra" e che saranno pronte tra 2 mesi (ecco perchè quella assaggiata da Troppobarba era amara.

17 commenti:

  1. Ho semola! il Sagro! permettimi di dire i monti anche i miei. Pensa che quando ero in ferie a Fossola, tutte le mattine mi alzavo prima del sole e lasciavo la macchina nel piazzale e in un'ora ero in vetta, alle nove ritornavo e via con <capra e cavoli< a Marinella, il pomeriggio in bici. passavo da Sarzana senza fermarmi,ancora Sara non era nata. parlo di 40 anni fà.

    RispondiElimina
  2. tristissima la storia della tua montagna, di tutte le montagne. anche qui, dalle nostre parti si scavano tante di quelle buche - rosse, per il famoso rosso veronese.

    anche le nostre olive in salamoia galleggiano. ho messo un "pressino" appesantito da alcuni sassi in modo che le olive stanno giù e non a contatto con l'aria. lo scorso anno ha funzionato benissimo. ho fatto una salamoia sola, e ho aspettato un'anno intero. abbiamo praticamente appena adesso assaggiate quelle del 2009. ;-)

    RispondiElimina
  3. MARESCO
    E' vero i monti sono un pò di tutti... quindi spetta a tutti proteggerli. Perchè tu sai la vera età di Sara? .... o solo quella che ci racconta? :-))))))))
    LOSMOGOTES
    .... e il pressino come l'hai fatto? Le tue olive erano molto mature? le mie non tanto, spero vengano buone lo stesso!

    RispondiElimina
  4. l'apertura del vaso che ho usato ha giusto la misura di un cestino della ricotta. con dentro qualche sasso rimane giù.
    le olive - grandi, proprio da conserva - erano (e sono ancora) verdi.

    RispondiElimina
  5. LOSMOGOTES
    Grazie dell'astuto stratagemma. L'unica precauzione sarà quella di non mangiare i sassi!

    RispondiElimina
  6. Il Sagro è anche il mio, ma quando abitavo a Luni lo vedevo meglio. Mi manca quella vista meravigliosa sulle Apuane. Ecco cosa succede a pigliare marito a Sarzana. Un saluto anche a Maresco.

    RispondiElimina
  7. Voi avete il Sarzanello ... è uguale no?
    leggende narrano che "Il monte Sagro era appunto saCro ai liguri-apuani che accompagnati dagli sciamani vi si recavano in pellegrinaggio al dio Pen (divinità delle vette da cui forse Pen Dio) e che molti vi si rifugiarono durante l'assedio dei romani"

    RispondiElimina
  8. I tuoi monti sono uno spettacolo.

    RispondiElimina
  9. EMILIO
    Grazie... sono d'accordo con te.

    RispondiElimina
  10. Mi fai sentire in colpa per i tuoi monti: sono seduto davanti ad un caminetto disegnato da mia moglie ed è proprio di marmo bianco p. di Carrara.

    Io nella salamoia metto anche gli aromi, tipo...aglio alloro pepe chiodi di garofano ... e sono buone dopo un anno.
    Quest'anno ho provato anche a farle sotto sale... sai che sono gia buone?!

    RispondiElimina
  11. Anche le mie galleggiano. Se chiedi a cento persone ti diranno cento modi diversi per conservare le olive e fare la salamoia. Assaggiale fra una settimana, sono amarognole ma mangiabili.

    Harlock dacci tutti i dettagli delle olive sotto sale. Please. ;-)

    RispondiElimina
  12. ToppoBarba: è molto semplice: prendi delle olive mature, le metti in un recipiente, meglio se su un colino così l'acqua va via e ci metti abbondante sale grosso. Dopo una decina di giorni le olive saranno disidratate e avranno perso gran parte dell'amaro. Si conservano sotto olio (non mi manca! ) per qualche mese. Qesta è la ricetta semplice, ma si può aggiungere aglio, peperoncino, scorze di arancio o limone insieme al sale o dopo nell'olio.

    RispondiElimina
  13. HARLOCK
    Nientemeno "Bianco p." bianchissimo anche se un pò delicato. Anch'io per hobby faccio mortai di marmo.
    Penso che il marmo (come l'acqua, come i boschi etc) sia una risorsa che è giusto "usare" senza "abusare". Da noi gli artigiani che lavorano il marmo per farne opere d'arte si contano su una mano. Frantumare montagne per fare sculture di dubbia bellezza o peggio carbonato di calcio a opera "solo" di multinazionali, senza alcun rispetto dell'ambiente, dei boschi e della gente che vi abita è un delitto.
    Mi dilungo. Molti, molti, molti anni fa da noi vigevano le "Vicinanze". Chi voleva sfruttare le cave doveva avere la residenza nel paese della cava e farvi ricadere una parte della ricchezza. Chiaro che, abitandoci, lo scempio era inferiore.

    RispondiElimina
  14. TROPPOBARBA
    Quando farò 100 vasetti chiederò a 100 persone.
    Per ora ho fatto un vasetto con le tue istruzioni.

    RispondiElimina
  15. ahh, i monti. amo i monti!!
    beato te semola..

    RispondiElimina
  16. ALTHEA
    Chissà come mai... tutti amano i monti, ma i paesi si spopolano e la gente si trasferisce tutta in città !!!!

    RispondiElimina